RESTYLING DOPPIVERSI
Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

doppiversi

VEDI IL SITO

Paolo inizia a muovere i primi passi come dj nel modo più classico: durante le feste con gli amici. anno decisivo fu il 1986.
Fu in quell’anno infatti che venne notato da dj Eddy Brando, il quale, interessato alla sua performance, lo indirizza agli studi di StereoCittà 100.5 in FM, trovando così spazio nel programma mixato notturno assieme ai pionieri di questo genere, uno fra tutti Massimo Artusi. A Radio Stereo Città Paolo prende lo pseudonimo di Paul Daniel.
Sempre a Radio Stereo Città conosce Mokadj, (Open, Wag, La Scala) ed altri dj dai quali avrà modo sia di imparare sia di collaborare in serate organizzate dalla radio in molte discoteche di Padova.
Questo è anche il periodo in cui le feste in piazza hanno particolare risonanza, specie nel periodo estivo, tanto che la direzione della radio non si lascia sfuggire le più significative.
Non mancano collaborazioni con alcuni service audio/luce grazie ai quali apprende la regia di palcoscenico durante rappresentazioni teatrali, concerti, competizioni canore e sfilate di moda, cogliendo l’occasione di lavorare anche con Elisabetta Gardini in Piazza dei Signori a Padova.
Affinato così nelle tecniche di gestione suono e luce, segue in prima persona l’impianto audio dei locali nei quali di esibisce come Dj.
Ha inoltre l’immenso onore di fare “l’occhio di bue” al maestro Oreste Lionello (noto al grande pubblico per il programma televisivo Il Bagaglino) durante uno stralcio dell’omonimo spettacolo nella sede estiva del Casinò di Venezia Lido.
Dal ’86 al ’94 Paolo propone le sue selezioni musicali a “Il Fungo” a Teolo. Il Fungo è una piccola discoteca con annesso ristorante-pizzeria in stile “old school”, nel quale dalla metà degli anni Settanta fino alla metà degli anni Ottanta, fecero la loro comparsa molti Dj di fama nazionale.
L’esperienza in radio finisce nel 1990, ma nel 1995 prende il via un nuovo progetto al Woodstock Pub ad Abano Terme, pub che si ispira al celebre evento rock.
Al Woodstock iniziano cinque anni importanti: si occupa della direzione artistica selezionando i cabarettisti e le cover band; si esibisce il sabato notte intrattenendo fino alle tre del mattino due tipi di clientela diversa: nella fascia 21:00-23:00 propone un programma commerciale, mentre dalle 23:00 fino alle 03:00 si dedica al genere house che in questi anni diventa la sua vera passione.
Dal 2000 si esibisce il sabato al Sweet Basil Club di Albignasego, locale dotato di sale prove e registrazione.
Dal primo vinile, acquistato nell’85, arriva a collezionarne circa 4000 che spaziano dagli anni Settanta fino al 2001, anno in cui, per improrogabili esigenze famigliari, appende le AKG 141 al chiodo.
Nell’estate del 2009, un po’ per gioco, Paolo porta i Technics 1200 al cocktail bar di un amico ad Abano il Cafè Noir improvvisando una domenica pomeriggio di musica in stile “spritz hour”.
Inizia così un secondo percorso artistico che lo porterà al Serale di Pontelongo ristorante e discobar. È un locale in evoluzione con cambiamenti in atto e con alcuni progetti da sviluppare a cui aderisce: trova quindi spazio per esprimersi artisticamente, collaborando con il titolare a tutti gli eventi mettendo in atto tutta l’esperienza maturata negli anni passati. Attualmente si esibisce nel duo DOPPIVERSI dove viene affiancato dalla voce di The Boss collaborando così con vari staff e dj.
Il genere musicale proposto attraversa la deep house ed arriva al tech house, tuttavia nelle giuste occasioni non disdegna proporre anche il cosiddetto commerciale.

Nel 2014, ha iniziato una nuova esperienza musicale che l’ha portato a creare "What is Right" pubblicato da Hotfingers

 

Back to top